NICOLA UGHI. SEDICI NONI.

La realtà in formato cinetelevisivo.

Boccadarno –rientro all’ora blu

Boccadarno –rientro all’ora blu

febbraio 2014 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Una notte ho sposato una sirena, e nessuno mi credeva ma era lei che muoveva il mio sorriso al ritorno...

Bocca d’Arno (PI) – Ora blu

Bocca d’Arno (PI) – Ora blu

novembre 2011 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: ...e la festa silenziosa che trovammo era fatta poi di sguardi e di respiri misurati dall’arrivo del tramonto, quando il mare sposa il fiume e si riposa.

Massaciuccoli - alba / febbraio 2009

Massaciuccoli - alba / febbraio 2009

Nidascalia in poesia, di Matteo Pelliti: La nascita ti ha obbligato a mescolare il sonno degli occhi con l'acqua dolce della terra che ti ha generato. Per questo da lì non saprai allontanarti mai abbastanza.

Civita Castellana (VT), gregge

Civita Castellana (VT), gregge

luglio 2007 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: La luna non ha mai risposto a quella famosa intervista e a noi molto ancora resta da sapere di questo transitare lento e mortale.

Massaciuccoli, piena del lago

Massaciuccoli, piena del lago

marzo 2009 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: A chi parla questo codice di linee mute piantate nell'anice? Indivisibili, infissi, indicibili spazi per voi, umani, ormai troppo impazienti per capire il nostro linguaggio.

Castelrotto (BZ) – spot di luce nel

Castelrotto (BZ) – spot di luce nel

bosco / luglio 2011 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: La loro saggezza sconfinata, si è composta prima che la parola venisse al mondo, e il numero che si fa schiera ci meraviglia in una scoperta semplice e inimmaginata: ci son più alberi che stelle.

Saltria – Alpe di Siusi (BZ)

Saltria – Alpe di Siusi (BZ)

la chiesetta del rifugio Zallinger / Luglio 2011 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Se quando ascolti con molta attenzione trovi solo un fruscio a rispondere alle tue domande, non escludere che proprio quello e quello soltanto sia la voce di un Dio.

Londra – The Shard / marzo 2014

Londra – The Shard / marzo 2014

Alpe di Siusi (BZ) – Sassolungo e

Alpe di Siusi (BZ) – Sassolungo e

Sassopiatto, con baite / luglio 2013 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Spezzare il pane, raccogliere l’acqua, piegare il fieno, lo vedi com’è finto il tempo-freccia della modernità? Piegare il fieno, raccogliere l’acqua, spezzare il pane, il cerchio che ci guida sotto il sole.

Le Mont St.Michel (F) – vista verso

Le Mont St.Michel (F) – vista verso

terra – agosto 2012 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Su questa pioggia orizzontale non sai dove posare gli occhi, allora li lasci trascinare via, a riva dal cavallo a galoppo d’acqua che prima arriva e poi se ne va.

Genets (F) – vacanzieri – agosto

Genets (F) – vacanzieri – agosto

2012 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Distratti dal tempo passato a invecchiare, guardiamo le pietre scavate dal mare col fastidio indolente del verificare che tutto questo mondo ci sopravvivrà.

Plan de Corones (BZ) – a piste

Plan de Corones (BZ) – a piste

chiuse / febbraio 2015 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: La grande vittoria dell’uomo non fu il fuoco rubato da Prometeo ma la sconfitta dell’attrito. In ogni meccanismo levigato d’ingranaggi e sfere si rovescia l’anatema dell’Eden perduto: “Lavorerai con fatica!”

Acquario di Genova (GE) – la vasca

Acquario di Genova (GE) – la vasca

dei delfini / marzo 2014 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Non pensare di saper usare meglio il tuo pensare, perché noi evitiamo ogni guerra con un fischio soltanto. Chissà se la libertà sia dal vetro di qua, o di là.

Tirrenia (PI) – orizzonte

Tirrenia (PI) – orizzonte

settembre 2012 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Ti dico che puoi partire, ti dico che puoi tornare, ti dico che sta alla vita l'elenco infinito delle possibilità.

Bari – Militi a San Nicola

Bari – Militi a San Nicola

maggio 2014 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Ognuno ha promesso qualcosa che poi non potrà mantenere, giurando sull'alba che arriva per prima, con luce di seta.

Marina di Pisa – Libecciata di

Marina di Pisa – Libecciata di

Ferragosto / agosto 2014 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Qualcuno ha scavato un disegno, due linee sul mare, una mappa, la linea di costa che muta nel tempo come una faccia che cede alla tentazione di non invecchiare, e si ferma ad aspettare sempre nuove affioranti verità.

Baarle Nassau (NL) – tra Hopper e

Baarle Nassau (NL) – tra Hopper e

Magritte / agosto 2013 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: La vita, senza istruzioni per l'uso, ogni tanto s'incanta a spiare gli altri vivere, quando la luce gialla abbassa il focolare a stanza, rifugio.

Espinho (P) – pescatore / marzo 2016

Espinho (P) – pescatore / marzo 2016

Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Tre, uno, uno due, uno, uno, alfabeto di numeri e linee retiniche, reti da pesca per l'iride.

Espinho (P) – oceano, coppie e

Espinho (P) – oceano, coppie e

gabbiano solitario / marzo 2016 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: In equilibrio, una bilancia piantata nel cielo misura la forza di gravità dei sogni, delle parole, delle piume, del sale, dei passi sbagliati e di quelli indovinati. Quanti affanni inutili portate, voi uomini!

Figueira da Foz (P) – Aluga-se

Figueira da Foz (P) – Aluga-se

marzo 2016 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Cosa dici? - Niente. - Scusa, mi sembrava di averti sentito scricchiolare. - No. - Ah. - Forse… - Sì? - No, niente.

Lungomare di Aspra – Bagheria (PA):

Lungomare di Aspra – Bagheria (PA):

contemplazione / marzo 2016 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Alla rosa dei venti aggiungemmo nuove direzioni del silenzio: un cenno col mento, uno di sopracciglia, uno con l’indice a segnare la rotta segreta di una piccola confessione.

Palermo – Foro Italico: tramontango

Palermo – Foro Italico: tramontango

marzo 2016 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Il tempo dispari dei passi ci ha unito per strada guidati dal ritmo, dal vento, dal suono di scarpe che s'incontrano per nostalgie infinite, dove le gambe stanche parlano al posto di bocche silenziose e occhi che scelgono.

Paris – Roubaix (F) – spettatori

Paris – Roubaix (F) – spettatori

aprile 2014 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: I velocisti sfideranno ancora la pianura con la solidarietà di un arco fatto a ventaglio. E noi saremo lì, a urlare forte controvento.

Stia in Casentino (AR) – faggeta

Stia in Casentino (AR) – faggeta

ottobre 2014 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Ho sognato un città, ero sdraiato per strada e contavo i lampioni poi, aperti gli occhi, ho visto migliaia di rami e ho avuto paura di perdermi dentro una fiaba.

Bruxelles – la nouvelle Europe

Bruxelles – la nouvelle Europe

giugno 2013. Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Che questo recinto alla fine esploda, o che ci sia ancora speranza lo vedrai dalla torsione di un collo e da una ruota in equilibrio sull'onda, dal rassegnato vuoto che non a tutti loro sarà assegnato.

Dusseldorf (D) – lungoreno notturno

Dusseldorf (D) – lungoreno notturno

febbraio 2016 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Eppure esiste ancora un punto in cui il “modo odierno” ascolti le ragioni dell'erba, dell'acqua, del vento? È il punto in cui trovano equilibrio ciò che da sempre scorre con ciò che non sta mai fermo.

Dusseldorf (D) – Reno in piena

Dusseldorf (D) – Reno in piena

febbraio 2016 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: “I vicoli e calli ove non potevo entrare, vedendoli solo dall'alto al passaggio, sono larghi dai venticinque ai trenta centimetri” (Jonathan Swift, I viaggi di Gulliver) Noi stessi miniature di civiltà che potrebbero essere migliori, ci osserviamo sospettosi come da una riva estranea, nascosti in finestre mute aspettiamo di vedere passare, credendolo nemico, un noi straniero.

Marina di Pisa – Fratello mare,

Marina di Pisa – Fratello mare,

sorella onda / maggio 2014 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Preghiera in atomi d'ossigeno e d'idrogeno, l'infinitamente piccolo che scava la pietra è la fiducia che tiene insieme, particella su particella, intero il Creato.

Polignano a Mare (BA) – leggo il

Polignano a Mare (BA) – leggo il

giornale / maggio 2014 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Nessuno mi aspettava più, libero di fermarmi qui a misurare la personale preghiera quotidiana che dista poche pagine dai risultati sportivi ai necrologi, piccoli romanzi in corpo 9.

Pisa – riflessi di capodanno

Pisa – riflessi di capodanno

gennaio 2014 Didascalia in poesia, di Matteo Pelliti: Abbiamo imbottigliato il fiume della dimenticanza e addomesticato i figli di Ipnos, il sonno, in gocce sonanti che donano riposo, con sguardo liquido di ansiolitici all'alba di un anno nuovo.

La mostra di fotografie in grande formato di Nicola Ughi -accompagnate ciascuna dalle poesie di Matteo Pelliti, poeta e autore che ha collaborato tra gli altri con  Simone Cristicchi e Moni Ovadia - proietta davanti ai nostri occhi la realtà in una prospettiva particolare: quella del formato cinetelevisivo, un taglio delle immagini che fa parte del nostro immaginario iconografico collettivo contemporaneo.

A spiegare la sua scelta stilistica è lo stesso autore: “Ho sempre voluto tagliare alcune delle mie foto     – spiega - in un formato che viene usato solo in genere per il video: il 16/9.

È il formato panoramico del cinema e della televisione.

Una suggestione visiva che in qualche modo trasfigura geometricamente lo spettacolo del mondo”.  

Nicola Ughi con le sue opere, tratte dai suoi lavori sul paesaggio naturale e urbano, sia di ricerca personale che commerciali, approfondisce la sua ricerca sulla visione umana. E ci invita a riflettere sulla rappresentazione iconografica della realtà che passa attraverso la fotografia, la televisione e il cinema e sulla commistione possibile tra le tre arti contemporanee sorelle che si nutrono primariamente di immagini per narrare la realtà che ci circonda.

Eff&Ci - Facciamo Cose - via Luisa Sanfelice, 3 - 20137 Milano

+39.02.55.01.95.65 

 

 

Sito sviluppato da Paolo Dalprato